ARIANNA DALLA CORONA DI STELLE

BACCO E ARIANNA Nel realizzare quest'opera Carla Roselli punta la sua attenzione, nel consesso degli dei, su Bacco e Arianna. Di ritorno dalla spedizione indiana, il dio vittorioso si imbattè nella principessa sull'isola di Nasso. Si innamorò immediatamente di lei e lo dimostrò immortalando fra le stelle la sua corona d'oro. Le rimase poi sempre fedele. Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto di Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservatiBACCO E ARIANNA Nel realizzare quest'opera Carla Roselli punta la sua attenzione, nel consesso degli dei, su Bacco e Arianna. Di ritorno dalla spedizione indiana, il dio vittorioso si imbattè nella principessa sull'isola di Nasso. Si innamorò immediatamente di lei e lo dimostrò immortalando fra le stelle la sua corona d'oro. Le rimase poi sempre fedele. Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto di Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservatiNel realizzare l’opera “Arianna e Bacco”, diametro centimetri 120, Carla Roselli punta la sua attenzione,  nel consesso degli dei, su Bacco e sulla fanciulla famosa per l’espediente del filo per uscire dal labirinto. Quest’ultima era figlia di Minosse II, discendente di Minosse I, figlio di Zeus ed Europa (Diodoro, Biblioteca Storica, IV, 6). Sua madre era Pasifae, figlia del Sole. Fu cent’anni dopo la morte di Minosse II che avvenne la guerra di Troia cantata da Omero (Erodoto, Storie, 7, 17). 

Zeus aveva concesso Europa, principessa fenicia figlia di Agenore e sorella di Cadmo, e la sua prole al re di Creta Asterione (Apollodoro, Biblioteca, II, 2). Costui, essendo senza figli, aveva poi lasciato il dominio dell’isola a Minosse.

Di ritorno dalla spedizione indiana, il vittorioso dio Bacco si imbattè nella principessa Arianna sull’isola di Nasso. Si innamorò immediatamente di lei e lo dimostrò immortalando fra le  stelle la sua corona d’oro. Lanciò al cielo il diadema, l’oro e  le gemme si trasformarono in fulgido fuoco perenne, disponendosi nella figura della costellazione (Ovidio, Metamorfosi, VIII, 178-181). Le rimase poi sempre fedele.

Liber tulit, utque perenni/ sidere clara foret, sumptam de fronte coronam/ inmisit caelo/ tenues volat illla per auras, dumque volat/ gemmae nitidos vertuntur in ignes/ constituuntque loco specie remanente corona

Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto di Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservati

Nel realizzare l'opera "Arianna e Bacco", diametro centimetri 120, Carla Roselli punta la sua attenzione, nel consesso degli dei, su Bacco e Arianna. Quest'ultima era figlia di Minosse II, discendente di Minosse I, figlio di Zeus ed Europa. Sua madre era Pasifae, figlia del Sole.BACCO E ARIANNA Nel realizzare quest'opera Carla Roselli punta la sua attenzione, nel consesso degli dei, su Bacco e Arianna. Di ritorno dalla spedizione indiana, il dio vittorioso si imbattè nella principessa sull'isola di Nasso. Si innamorò immediatamente di lei e lo dimostrò immortalando fra le stelle la sua corona d'oro. Le rimase poi sempre fedele. Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto di Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservatiBACCO E ARIANNA Nel realizzare quest'opera Carla Roselli punta la sua attenzione, nel consesso degli dei, su Bacco e Arianna. Di ritorno dalla spedizione indiana, il dio vittorioso si imbattè nella principessa sull'isola di Nasso. Si innamorò immediatamente di lei e lo dimostrò immortalando fra le stelle la sua corona d'oro. Le rimase poi sempre fedele. Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto di Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservati

IL RISVEGLIO DI ARIANNA

IL RISVEGLIO DI ARIANNA In questa tela di Carla Roselli, Bacco risveglia Arianna, anticamente venerata fra le divinità indigete di Nasso. La tradizione vulgata ne fa la figlia di Minosse, re di Creta. Fu lei che condusse fuori dal labirinto Teseo grazie al suo filo. L'eroe ateniese poi la abbandonò sull'isola di Nasso, alcuni dicono volontariamente. Gli Ateniesi sostennero che fu forzato ad agire così da Bacco, in un sogno. Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto da Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservati

In questa tela di Carla Roselli, Bacco risveglia Arianna, anticamente venerata fra le divinità indigete di Nasso. La tradizione vulgata ne fa  la figlia di Minosse, re di Creta. Fu lei che condusse fuori dal labirinto Teseo grazie al suo filo. Nel labirinto, opera di Dedalo, era imprigionato il Minotauro, che veniva alimentato con una dieta a base di sacrifici umani. Teseo lo uccise.

L’eroe ateniese poi la abbandonò sull’isola di Nasso, alcuni dicono volontariamente. Gli Ateniesi sostennero che fu forzato ad agire così da Bacco, in un sogno.

In omaggio alla principessa, per il vasellame utilizzato nei dipinti la pittrice si è liberamente ispirata allo stile  dei ritrovamenti della civiltà minoico-micenea.

Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto da Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservati

Per maggiori informazioni contattateci al seguente indirizzo e-mail: vanessa.foschi@yahoo.it

IL RISVEGLIO DI ARIANNA In questa tela di Carla Roselli, Bacco risveglia Arianna, anticamente venerata fra le divinità indigete di Nasso. La tradizione vulgata ne fa la figlia di Minosse, re di Creta. Fu lei che condusse fuori dal labirinto Teseo grazie al suo filo. L'eroe ateniese poi la abbandonò sull'isola di Nasso, alcuni dicono volontariamente. Gli Ateniesi sostennero che fu forzato ad agire così da Bacco, in un sogno. Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto da Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservatiIL RISVEGLIO DI ARIANNA In questa tela di Carla Roselli, Bacco risveglia Arianna, anticamente venerata fra le divinità indigete di Nasso. La tradizione vulgata ne fa la figlia di Minosse, re di Creta. Fu lei che condusse fuori dal labirinto Teseo grazie al suo filo. L'eroe ateniese poi la abbandonò sull'isola di Nasso, alcuni dicono volontariamente. Gli Ateniesi sostennero che fu forzato ad agire così da Bacco, in un sogno. Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto da Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservatiIL RISVEGLIO DI ARIANNA In questa tela di Carla Roselli, Bacco risveglia Arianna, anticamente venerata fra le divinità indigete di Nasso. La tradizione vulgata ne fa la figlia di Minosse, re di Creta. Fu lei che condusse fuori dal labirinto Teseo grazie al suo filo. L'eroe ateniese poi la abbandonò sull'isola di Nasso, alcuni dicono volontariamente. Gli Ateniesi sostennero che fu forzato ad agire così da Bacco, in un sogno. Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto da Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservatiIL RISVEGLIO DI ARIANNA In questa tela di Carla Roselli, Bacco risveglia Arianna, anticamente venerata fra le divinità indigete di Nasso. La tradizione vulgata ne fa la figlia di Minosse, re di Creta. Fu lei che condusse fuori dal labirinto Teseo grazie al suo filo. L'eroe ateniese poi la abbandonò sull'isola di Nasso, alcuni dicono volontariamente. Gli Ateniesi sostennero che fu forzato ad agire così da Bacco, in un sogno. Tecnica olio su tela. Dipinto da Carla Roselli. Scritto da Vanessa Foschi. Tutti i diritti riservati